“destra e sinistra addio” – Avvenire